La (intraducibile) saudade è stata inventata a Porto

L’ha scritto una follower su Instagram commentando un mio post, ed è una grande, grandissima verità: la saudade è stata inventata a Porto. Sapete cos’è? Impossibile non citare il grande scrittore Antonio Tabucchi, che rifacendosi a un dizionario portoghese cita: “Malinconia causata dal ricordo di un bene perduto; dolore provocato dall’assenza di un oggetto amato; ricordo dolce e insieme triste di una persona cara”. O di una città: era da tanto che non mi sentivo così triste tornando da un viaggio. Porto ti incanta e ti disarma, ha la capacità di farti sentire la sua mancanza mentre sei ancora là. E quando te ne vai hai un senso di vuoto, perché sei tu a sentirti abbandonata.

la saudade e stata inventata a porto

Ma la saudade è molto di più, è un vero e proprio paradosso: sempre citando il mio amato Tabucchi (anche in questo caso da “Viaggi e altri viaggi“), è la nostalgia del futuro. Avete presente quando, mentre state vivendo un momento di indicibile bellezza, pensate già a quanto vi mancherà una volta tornate a casa? A me succede da una vita. Forse è una sensazione che si prova ovunque, ma il Portogallo l’ha fatta sua perché questo Paese con “poco più avanti l’Oceano, e l’infinito orizzonte” (Tabucchi) invita alla malinconia. La luce calda del tramonto è il momento perfetto per struggersi, e quello visto dal Miradouro avrà sempre un posto speciale nel mio cuore.

la saudade e stata inventata a porto

Non pensate però Porto sia una città triste, tutt’altro! Porto è un sacco di cose: malinconica e piena di energia, silenziosa e incasinata, antica e di tendenza. Per descriverla bisognerebbe paragonarla a una di quelle persone piacevoli e dal sorriso limpido, magari coi pantaloni di velluto a coste e alla mano un libretto di poesie.
E poi Porto è onesta, si presenta così com’è con tutti i suoi difetti: puzza di piscio di gatto, è sporca, sa essere molto caotica così come desolata, con edifici fatiscenti in pieno centro, ma la sua bellezza sta proprio nella sua sincerità. Può far storcere il naso, ma chi preferisce la profondità alla superficie, se ne innamora perdutamente.

la saudade e stata inventata a porto

Ma soprattutto Porto è poesia pura. Nei suoi negozietti vecchio stile che ormai non ce ne sono più ci passerei la vita. In alcune botteghe, quando entri fai un tuffo carpiato nel passato.
E poi i vecchini portoghesi sono la fine del mondo, soprattutto gli uomini che spesso hanno dei bei baffoni e la coppola in testa. Nel labirinto di vicoli del centro storico spesso li trovavo seduti fuori sull’uscio di casa, e sbirciando intravedevo una stanza buia e umida. Mi chiedevo spesso come hanno vissuto i quarant’anni di dittatura, già solo per questo hanno la mia massima stima. E poi le case ricoperte di azulejos, e i muri scrostati. Tutto a Porto ha un qualcosa di poetico.

la saudade e stata inventata a porto

La foto all’inizio dell’articolo spero renda l’idea di questa poesia, per un momento ho pensato di vivere in un vecchio film. Arrivo all’incrocio in una quieta zona fuori dai percorsi turistici. Non c’era nessuno tranne un paio di persone sedute fuori dal locale di questo edificio tappezzato di azulejos all’angolo di due vie. A un certo punto esce dalla porta una donna con un gran foulard in testa, una gran gonna e dei gran sacchi in mano, e si mette a parlare coi clienti. Nel cielo azzurro sopra di loro vola un gruppo di gabbiani. Se non è poesia questa… e per capire davvero la sensazione che ho provato, ecco un po’ di fado, canto popolare portoghese. Le parole non le capisco, ma una cosa è certa, cantano perfettamente le emozioni che ho vissuto.

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. Luca ha detto:

    Ciao! 🙂 E’ sempre bello leggere i tuoi racconti di viaggio, mi sembra di trovarmi in un mare di poesia; questo penso siano i tuoi racconti, perché riesci a far vivere in chi ti legge tutta una serie di emozioni e sensazioni bellissime… Grazie infinite! ❤

    "Mi piace"

    1. Ma tu mi fai sciogliereeeeeeee ❤❤❤❤ Grazie a te per le splendide parole!

      Piace a 1 persona

      1. Luca ha detto:

        Lo penso davvero! 🙂

        "Mi piace"

      2. Per questo mi sciolgo 😍

        "Mi piace"

  2. Io adoro i Portogallo, ci sono stata diverse volte ma Porto l’ho vista solo una volta qualche anno fa. Non c’è altro da aggiungere, ha un’atmosfera davvero unica e ci tornerei anche subito e adorerei starci anche per un paio di settimane. Chissà come sarebbe prendersi una bella pausa e viverla più a fondo! 🙂

    "Mi piace"

    1. Come ti capisco! Io mi sono chiesta quanto costerebbe prendere una stanza o un appartamento in affitto e passarci un mese 😁

      Piace a 1 persona

      1. Magari! Io ho sempre pensato al Portogallo come al mio Paese preferito, mi è sempre piaciuto e mi sono sempre sentita attratta dalle sue città e dal modo di vivere. Ho immaginato più di una volta di avere un appartamentino a Lisbona o a Porto e di starci per un mese a scrivere… un sogno!

        "Mi piace"

    2. Chi lo sa che non si avveri 😉

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.