Mea culpa: viaggio da sola anche se NON sono single

Mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa, NON sono single e nonostante questo viaggio da sola. Mettiamola così: se ci piace la pizza, smettiamo di mangiarla dopo aver incontrato il principe azzurro? Direi di no, perché mai dovremmo smettere di fare qualcosa che ci piace? Perlomeno, questa è la mia visione di un rapporto sano. E allora perché quando troviamo l’anima gemella, la gente si stupisce se viaggiamo lo stesso da sole?!

viaggio da sola anche se NON sono single

A toccarmi il nervo è stato un ragazzo che mi ha chiesto perché ti piace viaggiare da sola? con una curiosità sociologica. La mia scelta lo lasciava basito ma ormai ci ho fatto il callo. Ho risposto come sempre, perché mi piace sentirmi libera, seguire i miei ritmi, perché vivo tutto molto intensamente. Detto questo non sono un’integralista solitaria, viaggio anche col mio ragazzo, ho sottolineato.
La domanda gli è sorta spontanea, insieme a un risolino strafottente: “Ah, te lo porti dietro?”. La mia risposta è stata altrettanto spontanea: “Sì, con la ciotola per l’acqua”. Perché per lui il mio ragazzo è un cane scodinzolante in attesa di una padrona stronzetta che gli faccia fare il giro.

Nel suo ghigno ho chiaramente letto “con una come te non stare mai”. E da parte mia avrei voluto dirgli “stai sereno perché manco io potrei mai stare con uno come te”. Preferisco infatti un uomo che pensi che stare insieme non significhi fare TUTTO insieme. Ma soprattutto preferisco un uomo che rispetti le mie passioni tanto quanto io rispetto le sue, che si fidi di me tanto quanto io mi fido di lui.
Esempio pratico: se ad agosto deve lavorare e io no, io parto lo stesso. E dico di più: se stessi sta a casa ad aspettarlo grondando a 35 gradi umido-milanese, probabilmente mi avrebbe già mollata, non sarei la donna giusta per lui.

viaggio da sola anche se NON sono single

Comunque torniamo a bomba: è così difficile per la gente accettare che ci piaccia viaggiare da sole anche quando siamo sentimentalmente impegnate? C’è infatti la convinzione sia una scelta obbligata, dovuta alla mancanza di un ragazzo/fidanzato/marito e quindi, quando finalmente ne accalappiamo uno, in automatico si viaggia sempre in due. È culturalmente così assurdo che una donna non “perda il vizio” di passare del tempo con se stessa anche se non è più single?
E non parlo di viaggiare SEMPRE da sole, ovviamente ci piace farlo anche con la nostra dolce metà, ma ci piace anche senza.

Sono due anni che sono felicemente in coppia, e non ho mai dovuto spiegargli perché ogni tot io debba viaggiare da sola: la mia è una scelta di vita e fa parte di me. Faccio la giornalista freelance (che suona anche figo ma tradotto significa precaritato totale) proprio per avere più tempo per viaggiare. Ci sono dei compromessi a cui scendo e non lo nego: non sto via dei mesi perché lui mi mancherebbe troppo e perché non lo troverei giusto. Ma ho imparato che possiamo amare qualcuno soltanto se amiamo noi stesse. E per amarci dobbiamo essere felici della nostra esistenza. Quindi a chi non lo capisce dico: restate pure nella vostra miope esistenza, noi abbiamo orizzonti più ampi in cui volare.

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Luca ha detto:

    Bello, condivido tutto! ❤

    "Mi piace"

    1. Sapevo di poter contare su di te 😉 ❤

      Piace a 1 persona

      1. Luca ha detto:

        Al tuo servizio! 😉 ❤

        "Mi piace"

  2. Condivido ogni tua singola parola. Io e Fabio viaggiamo praticamente sempre insieme ma non perché siamo una coppia, bensì perché ci piace. Detto questo, ogni tanto io parto da sola o lo faccio con un’amica. Come dici tu, non sto via mesi, ma dove sta scritto che si debba viaggiare sempre in due solo perché si è una coppia? Mi dispiace per i commenti del tipo, testimonia solo ancora una volta che c’è ancora tanto da fare per cambiare la mentalità delle persone.

    Piace a 1 persona

    1. A voglia Erica se c’è tanto da fare! E ti dirò di più, secondo me non è tanto una questione che tocca solo le don e, è che proprio culturalmente a 360° non è comprensibile voler fare qualcosa senza qualcuno al seguito. C’è questo tabù, questa paura di stare soli con se stessi. Cosa si perdono ❤

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.